Scrivono i Prof

Editoriale di maggio: Merita? Merita!

Scritto da prof.ssa Luisella Saro il 03 Maggio 2011.

Editoriale di maggio: Merita? Merita!

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo “diploma di gran merito” conferito al nostro giornale on-line dall’ “Associazione nazionale giornalismo scolastico - targa d’argento del Presidente della Repubblica”.
Non sappiamo bene a quali “meriti” si riferisca la giuria che, all’ottava edizione del concorso nazionale “Giornalista per un giorno”, ha ritenuto di premiare così il LogBelli. Quel che possiamo dire è che questo diploma e la parola “merito” hanno suscitato in noi, probabilmente per associazione di idee, una domanda, la cui risposta è anche un po’ un bilancio dell’attività di questo primo anno.

La chiesa e il convento di San Francesco in Portogruaro. Ritrovamenti, nuove memorie.

Scritto da Autori Vari il 26 Aprile 2011.

ERRATA CORRIGE relativa alle pagine della mostra: pag.3, quarta colonna: 10 maggio 1281 invece che 10 marzo 1281.
       ... pianta-pupulin3_113 pavimentazione recinzione
Itinerario alla scoperta di        Pavimentazione a nord della
San Francesco e delle memorie     demolita chiesa di S. Francesco.
attuali dello spirito francescano.
Disegno Bepi Pupulin.

Gli autori che hanno contribuito alla pubblicazione di questo articolo sono gli allievi della 1AL, la docente di Storia del territorio Emanuela Ortis, l'archeologa Alessandra Pellizzato, Francesca Borgo (al tempo, laurenda in Lettere Moderne) e la direttrice del Museo Nazionale Concordiese di Portogruaro dott.ssa Elena Pettenò. Il testo e le foto sono quelli della Mostra presentata alla cittadinanza durante l'a.s. 2008/2009.

Aria e luce nuovamente sfiorano il pavimento in mattonelle sistemate a scacchiera lungo la diagonale, nuovamente battono sui basamenti di alcuni muri perimetrali, mentre polvere e fango sono lavati via dalla pioggia. Osserviamo curiosi attraverso la recinzione di protezione del cantiere. Si tratta di parte della pavimentazione del complesso del convento e della chiesa di San Francesco abbattuta nel 1830-1831.

Il ritrovamento avviene durante i lavori di rifacimento del nuovo teatro ed è situato proprio davanti all’entrata principale della nostra scuola. Insieme alla professoressa Emanuela Ortis e con la collaborazione dei docenti Rosa Maria Miret e Graziella Bellomo, parte una semplice ricognizione volta a rimettere insieme tracce diverse, dislocate in luoghi diversi.

Terza ora: ricevimento (excipit)

Scritto da Prof. B il 21 Aprile 2011.

MADRE: “Le ripeto che mentre aspettavo su una di quelle panchinette…”
PROF: “Le panchine dello ‘Stabatmater’?”
MADRE: “Quelle! Mentre aspettavo, guardavo le facce. Oddío, cosa non sono le facce dei suoi colleghi! Ma questi non se lo sanno fare un bel brodo di carne? – mi son chiesta. Perché magari uno crede di esser capace, ma poi…”
PROF: “Non me ne parli! C’è chi non sa nemmeno di dover usare non le foglie, ma i gambi del prezzemolo…”
MADRE: “Sì, però l’osso… Lei me lo mette? O è di quelli moderni, che pensano di poter fare senza?”

Istantanee di un'Italia al Salami (in attesa dell'ultimo sabba)

Scritto da Prof. B il 11 Aprile 2011.

non avrai altro cuore all'infuori di me

“Siamo alle mattane finali, non più proposte in saldo ma regalate, anche a chi non ne vorrebbe sapere.” Questo concludevo settimane or sono, dovendo recuperare un quattro in attualità, mentre passavo da un telegiornale a una trasmissione di approfondimento con l’intenzione, poi rientrata, di discuterne in classe. Sulla situazione italiana si è recentemente espressa una filosofa (Roberta De Monticelli, La questione morale, Cortina, Milano 2010), la quale scomoda Machiavelli e Guicciardini per spiegare come l’italico scetticismo etico affondi in una storia di antiche sudditanze.

Editoriale di aprile: Tra un'apnea e l'altra

Scritto da La cinciallegra il 03 Aprile 2011.

Qualche volta chiudo gli occhi e provo a mettermi nei panni dei tanti ragazzi che scrivono per questo giornale online. Credo sia bello, per loro, sperimentare la leggerezza che nasce dal non sentirsi “co-stretti” dentro limiti predefiniti.
Il piano tariffario Tal dei tali prevede, gratuiti, cento sms e cento mms al giorno. Gli altri li paghi.
E dunque abbrevi le parole, usi segni matematici, scrivi in “cellularese”, perché i caratteri di un sms, grossomodo, sono 160.
Chatti e devi essere veloce, efficace, sennò l’altro si stanca e si disconnette. Non è più online.
E così su Facebook. Quattromila caratteri per messaggio, mi dicono.

L'occhio sorpreso

Scritto da prof.ssa D. Santellani il 01 Aprile 2011.

L'occhio sorpreso

Sabato 2 aprile 2011 dalle 15.00 alle 19.00 siete tutti invitati alla mostra “L’OCCHIO SORPRESO” presso il collegio Marconi (via Seminario 34, Portogruaro).

In questa mostra saranno esposti i lavori realizzati dagli alunni della classe 2ALdel nostro Istituto nell’ambito dei due laboratori artistici organizzati in collaborazione con il Collegio Marconi e con l’artista illustratrice di racconti per bambini e per ragazzi Alessandra Cimatoribus.

Il progetto è stato diretto da Claudio Cavalli, autore-attore di spettacoli teatrali, scrittore di storie e racconti, autore delle prime 500 puntate del programma tv Rai “L’Albero Azzurro”.

Terza ora: ricevimento (incipit)

Scritto da Prof. B il 30 Marzo 2011.

MADRE: “Buongiorno. Allora, mia figlia?”
PROF: “Veramente…”
MADRE: “Lo sapevo! Questi ragazzi! Oramai sono così… Ma sa perché? Perché hanno tutto. Non come ai tempi nostri, quando non avevamo niente e dovevamo ringraziare per le sberle che ci davano. Altro che sberle, adesso: 200 euro di scarpe e ancora non sono contenti! Ah, ma a voi insegnanti non vi invidio, poverini… Prima di partire, ho quasi litigato con la Marisa (noi la chiamiamo così). Le ho detto: ‘Marisa, non è vero che non fanno niente. Se non fosse che la casa è sempre lurida, ti porterei con me da quello di filosofia.

In vista dell'esame: tesine e vecchi merletti

Scritto da Prof. B il 29 Marzo 2011.

In vista dell'esame: tesine e vecchi merletti
Ovviamente c’è anche chi, in vista dell’esame, lavora sul serio. Per dire, dato che la normativa consente la presentazione di un approfondimento, tanto vale scegliere un tema che interessi e approfondirlo… Il fatto è che la serietà, pur non del tutto inutile a scuola e nella vita, poco si presta ai lazzi di sedicenti spiritosi con pomeriggio libero. Ai nostri eroi nessun consiglio, dunque. Piuttosto, il suggerimento che nasce dalle nostalgie di un passatista: in una scuola di auspicate conferenze satellitari, lavagne magiche e chiavette usb, la cosa che ancora commuove un certo tipo di docente-commissario è scoprire che il candidato s’è letto due libri.

Il Giappone e ...noi

Scritto da Redazione il 16 Marzo 2011.

Il Giappone e ...noi
HAN SRADICATO UN ALBERO
Han sradicato un albero. Ancora stamani
il vento, il sole, gli uccelli
l’accarezzavano benignamente. Era
felice e giovane, candido ed eretto,
con una chiara vocazione di cielo
e un alto futuro di stelle.
Stasera giace come un bimbo

Seconda ora: interrogo o son desto?

Scritto da Prof. B il 11 Marzo 2011.

Estratti a sorte i nomi di due allievi, mi aspetterei di poter cominciare (“prima comincio, prima finisco”). Perché non è facile comporre in un discorso i monosillabi, ricevuti in risposta alle articolatissime domande; men che meno riempire gli imbarazzati silenzi con sproloqui che lasciano esausti, mentre lo studente si riaccomoda, fresco come una rosa.
Basterebbe chiudere gli occhi e dormire (“dormire, sognare forse”). E invece no, perché il primo estratto, stranamente eloquente, prorompe in un monologo: “Io, che devo recuperare il recupero, e avevo tedesco e avevo matematica, e avevo italiano e avevo diritto, e avevo scienze e avevo francese, e avevo storia e avevo geografia…”.

Docendo discitur

Scritto da La cinciallegra il 08 Marzo 2011.

Ieri pomeriggio dovevo correggere i compiti degli studenti di quinta. Tipologia B: saggio breve o articolo di giornale. Ho proposto ai ragazzi due tracce tra cui scegliere: una riflessione sul “tempo” ed una sulla “necessità di pensare”.
In studio, di sottofondo, “La Moldava” di Smetana. I miei studenti mi conoscono e sanno quanto amo questo poema sinfonico, che - glielo ripeto spesso - forse meglio di qualsiasi altra musica riesce a raccontarci.

Grande partecipazione alla fase di Istituto di Corsa di Orientamento (Orienteering)

Scritto da Prof. Luca Selem il 04 Marzo 2011.

Grande partecipazione alla fase di Istituto di Corsa di Orientamento (Orienteering)

Giovedì 24 Febbraio, si è svolta nel centro storico di Portogruaro la fase di Istituto dei Giochi Sportivi Studenteschi, alla quale hanno partecipato ben 67 concorrenti, suddivisi per categorie: Allievi/e nati nel 94-95-96, Junior m/f nati nel 92-93.
Chi l’avrebbe mai detto che ci sarebbe stata così tanta partecipazione? Certo tre anni fa, quando ho chiesto al Preside e al Comune un contributo per realizzare la cartina di Portogruaro, sapevo che stavo “rischiando” in una nuova sfida. Ora posso dire che ne valeva la pena!

Editoriale di marzo: "Leggendo gli articoli dei ragazzi..."

Scritto da La cinciallegra il 03 Marzo 2011.

Leggendo gli articoli dei ragazzi sul LogBelli, mi convinco sempre di più che i giovani sono meglio degli adulti e che bisognerebbe smetterla con i soliti luoghi comuni e i piagnistei che raccontano di adolescenti viziati, disinteressati, superficiali. Troppo spesso sono racconti “per sentito dire”. Racconti fatti da chi parla dei giovani senza aver speso tempo per parlare con i giovani.

Leggendo gli articoli dei ragazzi, credo che l’ “emergenza educativa” che caratterizza drammaticamente la nostra epoca - e che è un’emergenza sul serio! - riguardi soprattutto gli adulti, sempre meno preparati ad essere ciò che dovrebbero essere, e cioè capaci di additare mete alte, e speranza, e porti da raggiungere. Mediatori in grado di suscitare la nostalgia del futuro di cui i giovani hanno bisogno come l’aria che respirano, per poter affrontare le sfide della vita.

Prima ora: filosofia

Scritto da Prof. B il 14 Febbraio 2011.

[Sono le 8.25 di un ordinario martedì. I primi quindici minuti se ne sono andati nella compilazione delle carte, attestanti che tutto va per il meglio nel migliore dei mondi possibili.]
PROF: “L’autore, di cui vorrei iniziare a parlarvi oggi…”
[Si sente bussare alla porta, che si spalanca subito; scarmigliata e in affanno, irrompe Giulia.]
GIULIA: “Prof, io la Giada e la Silvia siamo fuori con la Jessica che sta male…”
PROF: “Quale Jessica? Ma non eravate tutte qui, un minuto fa?”
GIULIA: “Sì, ma la Jessica sta male… le viene da vomitare!”

Concerto di Solidarietà

Scritto da Redazione il 08 Febbraio 2011.

Siete tutti invitati a partecipare al Concerto di Solidarietà.
Protagonisti i The Colours of Gospel.
Vedi sezione Appuntamenti.

Ti potrebbero interessare