Progetti e attività

È ora di bilanci

Scritto da prof. Luca Selem il 15 Giugno 2010.

Siamo arrivati al termine dell’anno scolastico ed è tempo di riepilogare tutto ciò che è accaduto anche a livello sportivo: come detto nell’articolo precedente, molti alunni ed hanno partecipato ai Giochi Sportivi Studenteschi :
13 Gennaio, Sci Alpino a Piancavallo: La prima manifestazione a cui abbiamo partecipato è stata la gara di Slalom a Piancavallo.
Ad attenderci, una giornata uggiosa con nuvole basse; non certo l’ideale per una gara di sci.
La nostra rappresentativa era qualitativamente inferiore a molte altre e alcuni Juniores come Massimiliano Andretta di 5CL e Diego Noselladi 2ALhanno provato a scendere a tutta birra incappando però su una lastra di ghiaccio e compromettendo la gara, mentre altri sono scesi con cautela ma un po’ lenti, finendo nelle retrovie, come gli Juniores Gianluca Aurelio di 3BL e Collauto di 3CS e le Allieve Valentina Roscioni di 1CS, Alessandra Bonato e Per zolla di 1BS.


Buona la prova delle Juniores Giulia Ceroni di 3BS, Francesca Da Lio di 4BL e Lisa Marocco di 4AS, classificate all’8° posto.
Non si poteva competere con le scuole “di montagna”: con gli alunni che provenivano direttamente dagli sci club; resta comunque un’esperienza emozionante per tutti, anche per quelli che hanno nascosto la tensione fino al cancelletto di partenza.
Al termine della gara si è riusciti a fare qualche pista in compagnia, giusto premio per una giornata comunque di impegno e di tensione emotiva. 

21 Gennaio, Corsa Campestre a S.Donà di Piave:
le nostre Daesy Rizzin di 2BS, Roberta Furian di 2AL, Valentina Roscioni di 1CS, Alessandra Bonato di 1BS hanno conquistato il 4° posto di squadra Allieve, dando prova di tenacia su un terreno di gara difficile.
Nelle altre categorie, gli allievi Pizzolitto di 2AL, Edoardo Rossano e Bianchin di 1BS si sono difesi dando il massimo; buona la partecipazione degli Juniores Davide Zoia, 22° su 103 e Marco Geretto di 3AL e di Gianluca Aurelio 3BL.
Una parentesi va aperta sulla squadra Juniores Femminile protagonista di un risultato eccezionale: 2° assoluta con ben 3 atlete nelle prime 10 (5° Angelica Infanti di 3AS, 7° Federica Brondolin di 2DS, 9° Silvia Casonato di 4BS ), senza dimenticare il 15° posto di Ina Ionescu di 3BS.
Come si vede, ci sono ragazzi di tante classi diverse, a testimoniare che sia nell’indirizzoSociale che nel Linguistico “c’è del buono”: ci sono potenzialità e competenze anche in ambito sportivo.
Bisogna tenere presente che questi ragazzi hanno potuto allenarsi in poche occasioni, spesso nei ritagli di tempo libero. BRAVISSIMI!!!

19 Febbraio, Pentathlon Moderno a Jesolo:
Innanzitutto è doveroso spiegare cos’è il Pentathlon Moderno.In realtà è un Duathlon,cioè una competizione composta da due gare: una di corsa campestre (1000 m) e una di nuoto (100m), alle quali viene attribuito un punteggio in base al risultato cronometrico (meno tempo s’impiega, più punti si ottengono). La somma dei punti forma la classifica generale.
La giornata è stata di quelle infernali, tanto per il viaggio con due pullman di linea per arrivare, quanto per le condizioni atmosferiche: pioggia torrenziale. Già per questo va fatto un plauso ai partecipanti (questa volta proprio tutti), perché al termine della corsa erano bagnati fradici.
Fortunatamente, ad attendere i concorrenti c’era il clima caldo e accogliente della piscina,per cui, una volta completata la prova di corsa, i ragazzi hanno potuto prepararsi concalma ai 100 m. stile libero.
C’è da dire che da quando il “Belli” partecipa a questa competizione ha sempre portato a casa dei premi e anche questa volta è andata così, grazie alla SUPERSQUADRA FEMMINILE JUNIORES composta da Angelica Infanti di 4AS, prima assoluta, Federica Brondolin di 2DS, seconda, Giada Dalla Libera di 1CS, settima.
In particolare, Angelica e Federica vanno menzionate per l’impegno e la serietà che le contraddistinguono da tempo.
Brave comunque anche le altre: Silvia Casonato , Jessica Giachettodi 4AL, Debora Scrivo altra fedelissima di 5AS.
Nelle Allieve, buona la prova di Arianna Tancorra di 1AS, settima, e di Valentina Roscioni, undicesima, mentre un po’ in difficoltà nel nuoto si sono trovate Alice Auriemma e Giulia Longo.
Negli Allievi, buoni piazzamenti per Lorenzo Pizzolitto di 2AL, settimo, e Marco Scrivo di 1CS, nono, mentre per Edoardo Rossano e Raffaele Bianchin di 1BS, la piscina, nella ultima vasca, deve essere apparsa in salita, data la fatica profusa per terminare la prova.
Ciò che conta, comunque, è che non hanno mollato fino alla fine.
Unico nostro rappresentante negli Juniores maschi è stato Giacomo Rosset di 2BS che, per nulla intimorito dalla struttura degli altri partecipanti, che potevano sembrare tutti diretti discendenti di Tartan, si è presentato con il suo fisico minuto, ma,nuotando con buona tecnica, ha conquistato un lusinghiero 17° posto su 38 partecipanti,in buona parte più “vecchi” di lui.
Ritorno “infernale” a parte, perché la pioggia ci aspettava esattamente all’uscita dalla piscina, direi che anche quest’anno il “Belli” si è fatto valere.

23 Febbraio. Pallavolo Femminile Allieve e Juniores a S.Donà:
In questa data abbiamo partecipato ai tornei di qualificazione per la fase provinciale dei GSS.
Per molti motivi, legati soprattutto ad impegni scolastici e personali, le nostre studentesse non hanno potuto prepararsi al meglio e infatti le cose non sono andate molto bene per le Allieve, sconfitte dall’ “Alberti” e dal “Montale” di S.Donà, così come le Juniores, che però hanno contrastato fino all’ultimo punto le avversarie.
Pazienza! Ci rifaremo con il Beach Volley in programma il 20 Maggio a Jesolo.

26 Febbraio, Calcio a 5 Femminile a Mestre:
Il 26 febbraio è andato in scena il “Calcio a 5 Femminile”, che ha visto la nostra formazione composta da Paola Segato, Eleonora Polesello, Ina Ionescu, Giorgia Mezzavilla e Agnese Nascimben di 3BS, Giulia Zadro, Giulia Gorgato e Maura Furlanis di 3DS, Marina Palamin di 4DS, Giulia Trevisan di 3CS e Debora Scrivo di 5AS. Hanno affrontato la formazione del Liceo “Foscarini” di Venezia. La partita, iniziata sotto amichevoli auspici, si è presto “scaldata” per la grinta e per la tenacia delle protagoniste.
Devo dire che le nostre ragazze, dopo un inizio “soft” e dopo aver preso qualche calcio anche involontario (ma che pur sempre è una “pedata”!), si sono “svegliate” e sono riuscite a recuperare due reti di svantaggio grazie a Giulia Zadro, protagonista in attacco, e Maura Furlanis, implacabile in difesa.
Il risultato di 2-2 è stato sostanzialmente giusto. Durante il ritorno, i commenti e i resoconti ad amici e famigliari via cellulare, che ho ascoltato pur involontariamente (non potevo smaterializzarmi) assumevano via via contorni sempre più epici: “feroce battaglia”, ”non abbiamo ceduto di un millimetro”, ”erano forti, ma anche noi”, “non avevano scampo”… Non è mancato il commento: “L’arbitro non fischiava mai per noi”, ma allora sono intervenuto e mi sono dissociato, perché l’arbitro in tutte le nostre competizioni deve essere accettato come giudice imparziale, soggetto ad errori esattamente come i giocatori.

13 Marzo, Fase Provinciale di Orienteering a Noale :
In questa occasione le nostre rappresentative si sono comportate bene, bisogna dirlo, anche per l’esiguità delle squadre partecipanti: l’ “Orienteering” è una disciplina ancora poco conosciuta ed è molto dispendiosa sul piano organizzativo.
Preparare esercizi e percorsi di allenamento richiede tempo e disponibilità e ho constatato che pochi colleghi delle altre scuole hanno voluto mettersi alla prova.
Io mi sono battuto gli anni scorsi per cartografare il centro storico di Portogruaro, in modo da disporre di una cartina locale su cui allenarsi e quest’anno, assieme alla prof.ssa Cornaviera, ho potuto lavorare con 12 classi da cui poi abbiamo selezionato gli alunni che hanno partecipato ai GSS.
La gara Provinciale si è svolta nel centro storico di Noale parzialmente chiuso al traffico e con la sorveglianza, in alcuni attraversamenti, della Protezione civile e dei Vigili urbani.
I percorsi, seppure cittadini, presentavano delle scelte per abbreviare il tragitto da un punto di controllo ad un altro ed in effetti è stato commesso qualche errore di valutazione, tanto che alcune alunne sono state squalificate. Le Juniores Eleonora Polesello e Chiara Beltrame di 3BS, assieme a Serena Moro di 3AL si sono qualificate alla fase regionale, così come gli Allievi Edoardo Rossano di 1BS e Giulio Nascimben di 2CL;qualificazione anche per le Allieve Anna Mayer e Jennifer Carbonera di 1CL, Debora Franzin di 2CL, Michela Fabris di 2BS, Cristina Sossi di 1CS e Roberta Furian di 2AL.
Discorso a parte meritano gli Juniores Maschi, incappati nella formazione dello “Scarpa” di S.Donà, di gran lunga più esperta, per cui, pur facendo una buona gara con Marino Colak di 2CL ed Almacen, Zoia, Geretto e Zia di 3AL, solo quest’ultimo, arrivando 4°, è riuscito a qualificarsi per la fase regionale.
Non tutto è andato per il verso giusto: nel corso della gara qualche perditempo (ma la definizione potrebbe non essere così signorile) ha pensato bene di asportare una lanterna; questo episodio ha certamente condizionato i ragazzi meno esperti come i nostri.
Il sottoscritto, che da anni partecipa a gare di orientamento, sa benissimo lo “sgomento” che si prova quando, arrivati ad un punto di controllo con precisione, poi non lo si trova, perché “nascosto “ da qualcuno: in pratica i nostri alunni hanno perso tempo prezioso a cercare il punto, invece che proseguire il percorso, mentre altri hanno capito al volo la situazione e non si sono fermati più di tanto.
La soddisfazione di mettersi alla prova e comunque di “non perdersi” in un luogo sconosciuto è stata comune; anche gli “squalificati” sono tornati da soli, mentre al traguardo leggevo sguardi di apprensione nei colleghi a cui mancavano ancora alunni all’appello. Piccoli segnali che il lavoro svolto è stato positivo e che i ragazzi si sono impegnati a fondo.

21-22 Aprile Atletica a Mestre:
Quest’anno alcuni allenamenti si sono potuti svolgere nell’ambito del gruppo sportivo pomeridiano mentre c’è stato solo un incontro collettivo al campo di atletica di Concordia Sagittaria di mattina, perché al pomeriggio non si sarebbe potuto organizzare. Apro una parentesi per dire che da quando sono arrivato al “Belli” (son trascorsi ormai cinque anni), mi batto con il  Comune per il ripristino del campo di atletica, unico nella zona, perché il suo utilizzo sia possibile da parte delle scuole, ma la cosa non sembra interessare, per cui mi ritrovo ogni anno con la pista che perde i pezzi, con la  buca di sabbia del salto in lungo che diventa un ottimo vivaio floreale e quindi va riscavata, con gli ostacoli che un po’ alla volta marciscono, e così via.
Qualcuno dirà: “E chi te lo fa fare?”. Bella domanda.
Penso che quanto appreso alla scuola media in termini di Atletica Leggera non vada disperso: ci sono alunni che hanno un potenziale ancora inespresso o che comunque fanno intravedere delle buone capacità motorie. Ritengo che la scuola debba essere anche promozione sportiva, perché da anni ci sono settori dello sport italiano come l’Atletica Leggera che sono in crisi proprio perché vengono a mancare le basi; proviamo allora a “smuovere” qualcosa tutti insieme e ad incentivare gli alunni!
Tornando alle gare, le nostre rappresentative hanno ottenuto dei buoni risultati: le Juniores si sono piazzate terze come squadra, con buoni piazzamenti nel Salto in Lungo per Camilla Falcon di 3CL nei 100Hs e con la sempre affidabile Marta Bragato di 5CS, terza assoluta; nel lancio del disco con il 5°  posto di Martina Stefani di 3BS; con il 7° posto di Angelica Infanti di 4AS nei 300m; con il 6° posto di Martina Stefanuto di 3CL nel salto in alto e con il 7° posto di Federica Brondolin di 2DS nei 1000m. Pur con una caviglia malandata ha corso stringendo i denti, pur di non far mancare il proprio apporto alla squadra (e ce ne fossero di ragazze così!).
Negli Juniores Maschi, squadra incompleta ma buone prestazioni di Davide Zoia di 3AL, 12° nei 1000m, di Alessandro Bozza, 17° nei 100m, e di Riccardo Stefenello di 3BS, 10° in una gara combattutissima nel salto in lungo; in progresso tecnico Gianluca Aurelio di 3BL, 12° nel salto in alto; pulita e sicura la prestazione di Marino Colak di 2CL nei 110HS, 13° al traguardo dopo aver assistito a rovinose cadute degli  avversari.
Le Allieve hanno conquistato il 6° posto di squadra con alcune ottime individualità.
Ottimo infatti il 3° posto di Jessica Sbaiz di 2AL nel salto in alto, così come il quarto posto (famosa medaglia di legno, ma comunque bravissime) di Giulia Bozza di 2CL nel Salto in Lungo e di Giorgia Bacco di 1BL nei 100HS. Buono anche il 6° posto di Sara Frisan di 1BL, sempre nei 100HS; bene anche Chiara  Stefenello di 2DS, giunta 11° nei 100m, ma non lontana dalle prime. Brave anche Deborah Franzin di 2CL e Roberta Furian di 2AL, rispettivamente 7° e 13° al debutto nei 300m, mentre si è difesa nel Getto del Peso Linda Flaborea di 1BS, con un 14° posto finale. La squadra Allievi che si presentava incompleta ha schierato tre alunni nei 1000m: Edoardo Rossano di 1BS, Marco Scrivo di 1CS e Lorenzo Pizzolitto di 2AL, classificati rispettivamente al 21°, 23° e 27° posto in una gara altamente qualificata per il lotto dei partecipanti. Francesco Nobile di 1AL ha corso i 100m conquistando il 31° posto.
La mia soddisfazione nasce dal fatto che la “tradizione” iniziata 5 anni fa con la creazione delle prime squadre di atletica prosegue: passano gli alunni, l’anno scorso si è diplomato il gruppo “storico”, quello che mi “ha dato fiducia” quando sono arrivato al “Belli” e mi è dispiaciuto parecchio; accanto a loro si era nel frattempo avvicinato all’atletica un altro gruppetto, che ora costituisce l’ossatura del movimento e pazienza se quest’anno il “Belli” non sarà presente alla fase Regionale: i risultati ottenuti fanno  comunque ben sperare.

8 Maggio. Fase Regionale di Orienteering a Eraclea:
Il nostro gruppetto di qualificati era formato da 11 elementi.
Già in partenza due defezioni: Eleonora Moro di 3AL e Edoardo Rossano di 1BS non si sono presentati al ritrovo.
La pioggia già dalla mattina presto forse ha influito sulla “indisposizione” accusata dai due assenti.
L’Orienteering svolto con la pioggia perde senz’altro molto del suo fascino, specie in una località balneare come Eraclea, ma anche lo sport (oltre che la scuola) insegna che gli impegni vanno rispettati...
Per fortuna gli altri nove “temerari”, una volta arrivati sul luogo di gara, si sono subito preparati ad affrontare i percorsi con la dovuta concentrazione. Il campo di gara è stato ricavato nella zona di pineta prospiciente al mare, per cui il tracciatore ha creato dei percorsi interessanti per tutte le categorie.
Mentre accompagnavo i ragazzi in partenza, ho comunque notato in loro un velo di preoccupazione: bisogna considerare la scarsa esperienza, specialmente in confronto ai ragazzi degli Istituti delle Province di Belluno Vicenza, Verona e Treviso, abituati a correre in ambiente e già in buona parte iscritti in società Orientistiche.
Il terreno di gara presentava zone di pineta attraversabili, ma anche zone con vegetazione fittissima e quindi da aggirare: i concorrenti che hanno provato ad arrivare ai punti di controllo “tagliando” per la boscaglia (anche qualcuno dei nostri) si sono trovati invischiati nei rovi e hanno perso tempo per ritrovare la strada più agevole.
Al traguardo, l’aspetto più evidente era la presenza di graffi ed escoriazioni e da lì, senza essere indovini, si capiva benissimo quali erano state le scelte di percorso effettuate dai concorrenti.
Pur avendo faticato, non sono mancati i buoni risultati per noi: il 12° posto per Anna Mayer di 1CL e il 21° di Michela Fabris di 2BS nella categoria Allieve sono da leggere come ottimi, proprio per le considerazioni sull’esperienza sopra scritte, così come il 13° di Giulia Colledan di 5AS, colto in una categoria difficile come la Juniores femminile, in cui gareggiavano ragazze che già si confrontano con le migliori d’Italia nelle competizioni Federali.
Tutti i nostri, nel corso della gara, hanno avuto almeno un momento di difficoltà e purtroppo alcune hanno punzonato in modo errato ed ecco spiegate le squalifiche di Linda Flaborea, Jennifer Carbonera e Cristina Sossi nelle Allieve, mentre Federico Zia di 3AL si è “salvato” perché, pur avendo sbagliato, testardamente ha ripercorso parte della gara e, seppur attardato nel tempo finale, l’ha completata regolarmente. Al termine della gara, i nostri ragazzi hanno riconosciuto la validità dei percorsi affrontati, così come le difficoltà incontrate. E’ vero che li avevo preparati per quanto riguarda gli aspetti teorici ma ovviamente, quando poi ci si trova “da soli” e con tutta l’agitazione della gara che ti piomba addosso al momento del via, le sensazioni sono diverse.
Durante le mie gare di Orienteering ho sperimentato una molteplicità di situazioni e spesso, arrivato al Traguardo, rivedendo mentalmente le scelte di percorso, mi sono accorto che senza un errore di qua ed un altro di là la prestazione e la classifica avrebbero potuto essere ben diverse.
Così è stato anche per i nostri “temerari” tra iquali si sprecavano le recriminazioni, ma a cui vanno fatti i complimenti per come si sono messi alla prova in una giornata piovosa e certamente poco invitante.

Ti potrebbero interessare