Incontri e riflessioni

Progetto Kenya 2015

Scritto da Studenti della 3DL il 24 Aprile 2015.

Con questa iniziativa vorremmo illustrarvi una realtà che sentiamo molto vicina e che parla del diritto allo studio per studenti dell' IDP(Internal displaced person, Rifugiati di guerra) della nostra età, che vivono nella zona di Mugunda, in Kenya. 
In seguito ad alcuni scontri tribali dovuti alle elezioni presidenziali del 2007, oltre 9mila persone si sono rifugiate nell'area di Mugunda, dopo aver perso tutto. In questa zona vi è la parrocchia di un prete di Concordia-Sagittaria,
don RomanoFilippi, il quale gestisce una delle scuole più ambite e prestigiose in quella zona, la " St. Regina Secondary School". Purtroppo, a differenza delle scuole primarie che sono gratuite e garantite per tutti i bambini dello Stato keniota, quelle statali secondarie, se pur pubbliche, prevedono comunque dei costi fissi che non tutte le persone sono in grado di sostenere. Don Romano offre già la possibilità ad alcuni dei tanti ragazzi dell'IDP, che non fanno parte della parrocchia, di frequentare questa scuola, anche se è economicamente impegnativo per lui. Ma questo avviene anche grazie alle sponsorizzazioni, cioè al fatto che alcune persone, occidentali e senza problemi economici, si fanno carico delle spese e garantiscono, così, che la retta scolastica venga pagata per 4 anni. Tuttavia il numero di studenti desiderosi di proseguire gli studi è aumentato dal 2007 e, in seguito agli attentati di Nairobi e Garissa degli ultimi tempi, sentiamo ancora più forte il desiderio di garantire loro un futuro migliore attraverso l'istruzione. Da qui l'iniziativa promossa da alcuni ragazzi del nostro istituto "Marco Belli", in collaborazione con la professoressa di spagnolo Elisabetta Dall'Oro, referente del progetto per una raccolta fondi che dia la possibilità di frequentare la Secondary School "St. Regina" di Mugunda per 4 anni ad alcuni meritevoli studenti ed il costo approssimativo è di 150€ all'anno per ragazzo. 
Il nostro obiettivo è di poter offrire un'istruzione completa e un futuro a questi ragazzi, che, altrimenti, senza l'impegno quotidiano della scuola, diventerebbero, soprattutto in questo periodo, facili prede per gente senza scrupoli.
Le ragazze di 3°DL e la referente del progetto, prof.ssa Elisabetta Dall'Oro

Ti potrebbero interessare