Incontri e riflessioni

Pausa caffè

Scritto da Margherita Malvardi, 2DE il 29 Marzo 2012.

Pausa caffè
Finalmente, tornata a casa da una faticosa ma soddisfacente giornata scolastica, mi rimetto in sesto con un buon pranzetto e mi abbandono ad uno dei miei peccati di gola, un vizio libidinoso: caffè, ideale per ricaricarmi di energia! Scosto la candida tendina della finestra e guardo fuori mentre mi godo il mio rito. I fiori sbocciati che si pavoneggiano dei loro graziosi petali, i ciuffi dell' erba ribelle che fanno capolino tra una vanitosa pianta e l' altra, gli uccellini che danzano nella brezza primaverile, le nuvole color panna che si rincorrono come bambine giocose, il sole timido che cerca di fare amicizia con il cielo... tutto pullula di vita e di colori sgargianti che scaldano il cuore.
L' arcobaleno della vita non mi era mai apparso così vivido, così maestoso e meraviglioso. Apro la finestra e respiro a pieni polmoni la pura fragranza dell' esistenza che questa elegante signora chiamata Primavera ha portato con sé, avvolgendo con amore tutto il paesaggio. Odo il cinguettare delle allegre vecchiette, le risate festose dei bimbi lieti e il delicato concerto della natura. Sorseggiando una tazza d' amaro caffè, la vita non è mai stata così dolce.

Ti potrebbero interessare