Incontri e riflessioni

Impressioni di dicembre

Scritto da Alice Tonasso, 4BL il 22 Dicembre 2010.

“Tu dici nel cader, neve, il cielo devi ringraziar... Alza gli occhi, guarda lassù...”.Ed è proprio così che, fischiettando la melodia di una tra le canzoni natalizie più famose, trascorro il mio pomeriggio ad osservare innumerevoli soffici fiocchi di neve scendere giù dal cielo: danzando così, delicatamente. 

Non a caso mi ritrovo qui, davanti alla finestra, con una bella tazza fumante di tè tra le mani, immobile nell'ammirare questo paesaggio: le strade, i prati, i rami spogli degli alberi, i tetti delle case, le macchine parcheggiate...

Tutto è rivestito di un bianco candido. Ebbene sì, l'inverno è arrivato! E con questo nevicare, provo la magica sensazione di abitare un posto incantato, dove a regnare sovrastante è il silenzio: un silenzio pacifico, che rasserena, che sembra quasi riscaldare gli animi dal vento gelido.

Nonostante l'imbrunire, vortici cristallini volteggiano, rendendo l'atmosfera luminosa. Certo, fuori fa un gran freddo! Ma non posso fare a meno di percepire un improvviso calore avvolgermi, mentre scorgo delle luci provenienti dalle case dei miei vicini: mi piace immaginarli seduti sulle comode poltrone del loro salotto, magari a fianco di un albero di Natale decorato con pupazzetti di pezza rossi e dorati, magari sorridenti nel raccontare come è andata la propria giornata.

Mi rendo conto di come questo possa essere un fantasticare alquanto fanciullesco; infantile, oserei dire... Secondo me, però, è proprio questo il bello: sentirsi nuovamente bambini sensibili allo spirito, alla magia tipica di questa stagione che, da sempre, occupa il suo posto dentro di noi e può essere riscoperta, così sinceramente, anche grazie alla caduta di alcuni fiocchi di neve.“I'm dreaming of a white Christmas...” 
… Per augurare a tutti buone vacanze!

Ti potrebbero interessare