Incontri e riflessioni

Facebook e i nuovi amici "virtuali"

Scritto da Franco Erika e Boatto Anna il 25 Luglio 2010.

Facebook e i nuovi amici

I social network sono diventati ormai parte della vita degli adolescenti. Ma…sono tutti presi dalla frenesia per Facebook?
Secondo un sondaggio fatto nella nostra scuola, sentendo l’opinione degli studenti di prima, seconda e terza, Facebook è INTERESSANTE ma non è l’unico social network usato. Alcuni infatti preferiscono a Facebook, Netlog; altri invece hanno entrambi i social network. Però c’è anche chi, stanco di Netlog, ha deciso di cambiare ed è passato a Facebook; tra questi, quasi tutti considerano Facebook più interessante e serio.
C’è anche chi, però, di Facebook non vuol sentir parlare, perché non ci trova niente di interessante e lo considera inutile. Ciò che, da alcuni punti di vista, è curioso, è che anche chi ha Facebook, in alcuni casi pensa che esso sia inutile.
Una volta iscritti a questo particolare social network, pochi si tolgono da esso e, chi lo fa, lo fa perché si è stancato.

Sono comunque molti gli studenti della nostra scuola iscritti a Facebook: la maggior parte di essi, da un anno o da alcuni mesi. Qualcuno è iscritto addirittura da due anni!
Il motivo per cui si sono iscritti è molto semplice: quasi tutti ammettono di averlo fatto per rimanere in contatto con gli amici, anche se alcuni di loro dicono di essersi iscritti per semplice curiosità o perché convinti dagli amici.
Grazie a Facebook, molti hanno conosciuto persone di altre nazionalità: americani, inglesi, spagnoli e tedeschi rimangono in contatto con loro. Vengono tenuti contatti anche con giapponesi, svizzeri e turchi!
Quanto tempo passano i ragazzi in Facebook?
La maggior parte dice di passare davanti al computer, nel proprio profilo, un’ora o poco meno. Ci sono anche alcuni ragazzi che passano in Facebook dalle 2 alle 5 ore. Nonostante questo, però, quasi tutti non visitano il loro profilo di Facebook ogni giorno e tutti usano il loro vero nome.
Oggi Facebook è diventato parte della vita di molti ragazzi, un modo per rimanere in contatto con gli amici e per conoscerne di nuovi.
Al momento pare dunque che gli adolescenti, a parte qualche eccezione, preferiscano stare con gli amici “virtualmente”. Non crediamo sia una cosa grave: i genitori sono a conoscenza del fatto che i loro figli usano Facebook e, a quanto pare, non si oppongono. Forse è giusto pensare che Facebook è anche un modo perchè i ragazzi non rimangano soli e si isolino.
A questo punto, però, sorge spontanea una domanda: è giusto lasciarli davanti al computer per ore e ore? Non è che così si isolano ancora di più?

Ti potrebbero interessare