Incontri e riflessioni

Il nonno

Scritto da Selena Galasso il 29 Marzo 2010.

Il Nonno varca la soglia
a passi lenti e pesanti.
La sua casa è fredda e buia,
è solo ormai.
Scorda persino di accendere la luce.
Leva il cappello polveroso
calcato sulle tempie,
lo stringe tra le mani.
Il suo sguardo è perso, vacuo, vuoto.
Non guarda la televisione,
ne fissa solamente lo schermo.
I suoi occhi tradiscono
una tristezza indefinita.
Piega a fatica le gambe
stanche per sedersi,
si affanna un po’.
Non è malato,
ma qualcosa lo corrode dentro.
Non è solo il peso degli anni.
Il Nonno si alza dalla sedia,
la sistema,
dà un bacio alla fotografia della moglie,
accarezza con un dito
i contorni del volto.
Va a dormire
ma non è stanco,
va a dormire ma è solo.
Non appartiene più a nessuno.

Ti potrebbero interessare