Incontri e riflessioni

Ciao Christine

Scritto da La Falca il 11 Agosto 2016.

Ciao Christine, un saluto e un ricordo te lo devo, anzi, penso te lo dobbiamo tutti noi, dato che per la scuola hai speso molte delle tue energie. Mi mancheranno le nostre chiacchierate al bar, quando ci raccontavi di quando eri giovane e dei Beatles. Mi mancherà trovarci nella pausa pranzo prima che io tornassi dentro per una delle mille attività extrascolastiche che svolgevo, e mi mancherà mangiare un tramezzino insieme a te.

Credo che mi mancherà il Marco Belli in generale, però tu eri speciale. Nelle tue ore di lezione ci raccontavi quello che ti succedeva con tuo figlio e del piccolo Thomas; ci raccontavi di quando andavi all’ipercoop (leggere: Aipacop) e trovavi i ragazzi di prima in marina. Memorabile fu quando mandasti via dalla scuola dei ragazzi perché sapevi che non erano del Belli; abbiamo avuto la conferma che ci conoscevi ad uno ad uno e ci riconoscevi anche se non eravamo tuoi studenti.

Ricordo quando abbiamo passato più di un mese insieme quasi ogni pomeriggio per correggere e sistemare il mio testo per il Bristol Short Story Prize. Poi non vinsi, ma non te lo ho mai detto perché ci saresti stata troppo male, dopo tutti gli sforzi che abbiamo fatto.

Mi mancherai allo spettacolo di fine anno, e a quello di Natale: sappi che tra suore, Babbi Natale, Marilyn Monroe... ci hai fatto sorridere molto.

Mancherà un pezzo del Belli, quello sempre pronto e disponibile, ma anche severo quando serviva… Tutti quelli che ti hanno conosciuta sanno cosa succedeva quando passavi tu alle macchinette o si sentiva la tua voce in corridoio quando non era ricreazione… sparizioni improvvise per evitare le tue (giuste) ramanzine sul rispetto delle regole, che aiuta a diventare grandi.

Beh, penso che se ne sia andato un grande cuore del Belli, che a me - e credo non solo a me - mancherà molto.

Ciao Christine cuore

Ti potrebbero interessare